dortmund

American Pharoah vince il Kentucky Derby dopo un finale combattuto

Postato il

american pharoahVittoria doveva essere e vittoria è stata. Nel Kentucky Derby 2015 ha vinto il favorito, il Baffert American Pharoah che era quotato sotto il tre. Il figlio di Pioneerof The Nile però ha dovuto sudare molto più del previsto per conquistare la gloria e consentire al suo trainer di fregiarsi di un ulteriore alloro, il quarto, nel KY Derby.
Come detto non è stata una passeggiata, come in tanti tra gli oltre 170mila (nuovo record all-time) che assiepavano le tribune di Churchill Downs credevano e Leggi il seguito di questo post »

Kentucky Derby 2015: sfida a tre tra American Pharoah, Dortmund e Carpe Diem?

Postato il

derby141-logo-2 alla corsa più importante d’America!
Perché non c’è il minimo dubbio che il Kentucky Derby, giunto alla 141esima edizione, sia La Corsa per antonomasia dall’altra parte dell’Oceano. Tutti gli appassionati vogliono essere presenti e tutti gli addetti ai lavori sognano di vincerla.
Come vi abbiamo raccontato nelle scorse settimane (Qui e Qui i resoconti degli ultimi trial) le tappe di avvicinamento hanno portato sostanzialmente a una sfida che dovrebbe essere circoscritta a un massimo di tre contendenti, ovviamente le sorprese in queste prove classiche possono essere sempre dietro l’angolo. Leggi il seguito di questo post »

I trail USA per il Kentucky Derby 2015, impressiona Dortmund

Postato il

RoadTo kentucky derbyNegli USA si stanno scaldando i motori in vista delle prove principali della primavera, prima fra tutte il Kentucky Derby di maggio prossimo.
Una delle principali tappe di avvicinamento alla corsa delle rose è certamente il Santa Anita Derby che si è svolto ieri notte nell’ippodromo californiano. La prova di Gruppo 1 sui 1800 metri del dirt aveva visto vincitore l’anno scorso il cavallo che ha fatto sognare una nazione intera, ovvero California Chrome, che si era poi ripetuto a inizio maggio nel Kentucky Derby e poi nelle Preakness per poi dover abdicare nell’ultima prova, le Belmont. Leggi il seguito di questo post »