aerovelocity

Giant Treasure nella Steward e il missile Aerovelocity nella Centenary

Postato il Aggiornato il

happy valley racecourse1Hong Kong mon amour!
Dobbiamo riconoscere che subiamo tremendamente il fascino delle corse nella ex colonia di Sua Maestà la Regina. Non sappiamo se sia dovuto all’effetto lontananza che fa sembrare tutto più bello, all’internazionalità che si respira in ogni corsa grazie a fantini e cavalli da ogni parte del mondo oppure alla capacità del team presieduto da Mr. Engelbrecht (che mancanza per noi italiani non avere un dirigente del suo calibro…) di creare un evento in ogni convegno, fatto sta che a noi le corse di Sha Tin fanno impazzire.
Il convegno di domenica non è stato da meno, undici corse Leggi il seguito di questo post »

Gold Fun nello Sprint e Thunder Fantasy nel Classic, Sha Tin secondo atto

Postato il

happy valley racecourse1Giornata di Gran Premi a Sha Tin. Due le prove regine, Il Chaiman’s Sprint Prize di Gruppo 1, seconda prova delle Sprint Series sui 1200 con 6.600.000 H.K. dollars di dotazione, che arrivava dopo la disputa della Steward’s Cup che aveva consacrata la forza di Able Friend. Altra corsa importante era l’Hong Kong Classic, sui 1800 con dotazione di 6 milioni di dollari di Hong Kong (circa 680mila euro), dove il vero favorito era Beauty Only (Holy Roman Emperor), il vincitore della prima Leggi il seguito di questo post »

Da Sha Tin è tutto, Hong Kong vs Europe 3-1! Flintshire goal della bandiera!

Postato il Aggiornato il

happy valley racecourse1La festa del meeting internazionale di questa mattina (ora italiana) ad Hong Kong è stata un trionfo per i locali che hanno sconfitto nettamente il resto del Mondo con un secco 3 a 1. In realtà l’Europa era andata in vantaggio grazie al rigore calciato di precisione dall’Abdullah Flintshire (Dansili), il quattro anni di Fabre che dopo aver ottenuto due posti d’onore nell’Arc e nella Breeder’s Cup, ha finalmente raccolto quanto si meritava, grazie ad un allungo di pregevole fattura in retta nelle mani sicure di Maxime GuyonLeggi il seguito di questo post »