Royal Ascot: ultimo giorno con le Diamond Jubilee e il record di Moore!

Postato il

royal ascot 2015Ladies and Gentlemen ultimo giorno del Royal Meeting. Grandi emozioni nei giorni scorsi, tanti campioni che hanno illuminato il grande spettacolo della riunione di Ascot.
Uno tra questi non ha quattro zampe ma solo due gambe ma un grande senso della corsa, parliamo ovviamente del fenomenale Ryan Moore, come sapete ieri ha riscritto la storia moderna dell’ippica vincendo per la nona volta nel meeting – con ancora un giorno disponibile per ritoccare il record – in sella a Aloft nelle Queen’s Vase. Questo è solo uno dei tanti aspetti che ogni anno rendono imperdibile la riunione inglese.
La prossima settimana avremo modo di farvi rivivere le emozioni più belle ma adesso torniamo all’ultima giornata che per concludere in bellezza ha in programma le Diamond Jubilee Stakes, Gruppo I per anziani sui 6 furlong. Saranno in 15 a darsi battaglia, provenienti più o meno da tutto il mondo e infatti il favorito dovrebbe essere l’australiano Brazen Beau (I Am Invincible) con una carta che lo vede vincitore due volte in Gruppo I sulla distanza e secondo nelle Lightining Stakes che però si correvano sui mille.
Il vero rivale arriva dalla batteria di Dermot Weld ed è l’Hamdan Al Maktoum Mustajeeb (Nayef) che dopo una carriera attorno al miglio adesso ha accorciato la distanza con ottimi risultati tra i quali il rientro vittorioso nelle Greenlands al Curragh. Gli altri avversari che potrebbero inserirsi sono l’O’Brien Due Diligence (War Front) – rientrato piano al Curragh ma che potrebbe essere venuto avanti e in più ha il vantaggio di Moore in sella – oppure l’americano Tropics (Speightstown) che assieme al connazionale Undrafted (Purim) e all’australiana Wandjina (Snitzel) sono i più interessanti del lotto.

Da vedere attentamente le Hardwicke Stakes, il Gruppo II sulla distanza classica. Questa prova potrà dirci molto sulla forma di alcuni dei possibili avversari che il nostro Dylan Mouth ritroverà nelle King George.telescope_2835224
Favorita chiara è la Galileo Telescope. L’allieva di Stoute è rientrata soft proprio per essere al massimo in questa periodo della stagione, è inoltre montata da Moore, quindi possiamo dire che ha mezza corsa in tasca? Forse sì, infatti i bookies la quota a un decimo, davvero una miseria. Per cercare chi possa sfilargliela andiamo su Eagle Top e Postponed. Il primo, figlio di Pivotal, è un Gosden che farà coppia con Dettori e che arriva da un rientro al quarto posto nelle Brigadier Gerard non distante da Western Hymn, il secondo invece è allenato da Luca Cumani ed è figlio di Dubawi. Ha corso due volte quest’anno piazzandosi dietro a Western Hymn e ad Al Kazeem, potrebbe essere lui il vero avversario ryan-moore1per la femmina.
Una ragazza da tenere d’occhio è Snow Sky (Nayef) altra allieva di Stoute per Khalid Abdullah, rientrata con vittoria nella Yorkshire Cup, affermazione che però potrebbe indicare una sua scarsa predilezione per distanze più corte.
I Gruppi sono terminati ma vi consigliamo comunque di guardare l’intera riunione perché sono in programma una bella Listed per due anni le Chesham Stakes sui 7 furlong, dove il favorito è ancora una volta un O’Brien, il Galileo Ballydoyle. Nel convegno anche due handicap, uno Listed e un Heritage handicap, molto intricati oltre alla chiusura con una condizionata, insomma un bel modo di finire il meeting.
Cosa ne dite riuscirà Ryan Moore ha ritoccare il suo record? Seguiteci e lo saprete!

Antonio Viani@AntonioViani75

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...