Goffs Breeding Stock: risultati buoni

Postato il Aggiornato il

??????????Autunno tempo di aste e se prima a passare sotto il martello del banditore erano gli yearling e i cavalli in training oggi vi parliamo dell’asta Goffs Breeding Stock per femmine, fattrici o prospetti di fattrici.
Asta svoltasi giovedì e venerdì scorso e che proponeva ben 450 femmine iscritte, diventate 375 in offerta e vendute per un ammontare di 297,  pari a quasi l’80% delle presentate. Ammontare totale per € 7.777.400, molto sotto quanto fatto segnare l’anno scorso, quando si era arrivati alla stratosferica cifra di oltre 25milioni di euro, grazie soprattutto al dispersal della scuderia Paulyn, che aveva venduto il top price la femmina Chicquita al Coolmore per € 6.000.000 (record europeo) e aveva anche fatto il secondo e il terzo prezzo sopra il milione.
Quest’anno il top ha toccato una cifra molto più contenuta (in linea con il 2012), 480mila euro, sborsata da Oliver St. Lawrence, unico acquisto, per Hazariya, famiglia Aga Khan, da Xaar e Hazaradjat, fattrice già provata che ha datogoffs november breeding ottimi vincitori tra cui Harasiya e Hazarafa e gravida di Fastnet Rock.
Il prezzo medio si è attestato a € 26.187, ovviamente molto più basso rispetto al 2013 (€ 73.982) ma in linea con il 2012. Il mediano, mai menzognero, ci fa capire come il 2013 sia stato un anno particolare, con delle punte che hanno stravolto i dati, infatti in questo indice che tempera gli estremi della scala, il valore è stato di € 13.500, mentre nell’asta 2013 era stato di 15.000 e nel 2012 10.500. Da questi dati vediamo che l’asta 2014 ha non solo tenuto ma anzi si è ben comportata perché i lotti sono stati venduti in buona quantità e soprattutto a un valore generalmente notevole.
Notiamo che il top tra gli acquirenti è stata la BBA Ireland con nove lotti e un totale di 661mila euro spesi, seguito dall’acquirente del top price e poi dal Peter & Roos Doyle Bloodstock che ha effettuato cinque acquisti per un totale di € 426.000. Il Darley ha portato a casa solo un lotto, Dalkova, vincitrice di Listed da Galileo e Dalasyla, per 370mila euro.
Tra i venditori l’Aga Khan si è distinto con 18 femmine passate di mano e un totale di 995mila euro incassati, seguito a distanza dal Derrinstown stud con 699mila e il Darley con 585mila.
Quanto agli italiani, Federico Barberini ha portato a termine quattro licitazioni, la più costosa Natural Choice, una Teofilo vincitrice a due anni del Darley aggiudicata per 41mila. l’Azienda Agricola Mariano ha effettuato due acquisti, il più caro Fulminata una Holy Roman Emperor vincitrice e coperta da Dream Head per 34mila. Anche il Centro Equino Arcadia ha operato due arrivi, presumibilmente per servire il nuovo sire di casa Sakhee’s Secret, il più caro Nice Dream una Oasis Dream vincitrice, gravida da Casamento, e acquistata per 7mila. Per finire semrpe due arrivi per Francesco Sponza il più alto Fact, fattrice da American Post e gravida da Thewayyouare, per 29mila.

Antonio Viani@AntonioViani75

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...