Newmarket: Cheveley e nuove scoperte

Postato il Aggiornato il

newmarket-cambridgeshire-meeting-2014Oggi andrà in scena il terzo e ultimo giorno del Cambridgshire meeting di Newmarket con la disputa delle prestigiose Cheveley Park Stakes, il Gruppo I sui 1200 metri per le puledre sempre molto significativo in vista delle 1000 Ghinee del prossimo anno.
Spettacolare l’edizione odierna, con un agguerrito terzetto comprendente la velocissima britannica Tiggy Wiggy (Kodiac), l’irlandese Anthem Alexander (Starspangledbanner) e la francese High Celebrity (Invincible Spirit). Le prime due hanno un conto aperto e sono in parità negli scontri diretti, con la prima che si è presa la rivincita dopo le Queen Mary demolendo la rivale nelle Lowther di York all’ultima uscita, dominate grazie ad un imparabile coast to coast.
L’allieva di Richard Hannon Jr (il padre vinse questa corsa con Indian Ink nel 2006) ha una velocità di base impressionante e nelle sette uscite in carriera ha conquistato cinque vittorie e due posti d’onore. L’unico dubbio riguarda la sua attitudine al tracciato ondulato del Rowley Mile sul quale debutta quest’oggi ma in caso di vittoria, vista la scarsa tenuta della figlia di Kodiac in prospettiva classica, iltiggy-wiggy suo team ha lasciato la porta aperta per un’eventuale trasferta francese tra otto giorni nell’Abbaye de Longchamp.
Anthem Alexander, allenata dall’irlandese Edward Lynam, dopo la vittoria al Royal Ascot ha perso nettamente da Tiggy Wiggy nelle Lowther con la scusante del rientro: la saura verrà certamente avanti dalla ricomparsa e potrebbe gradire maggiormente la selettiva pista di Newmarket.
Andre Fabre, sempre molto temibile quando attraversa la Manica, ripropone in terra d’Albione la stimata High Celebrity, a segno in grande stile al debutto a Chantilly poi seconda nelle Duchess of Cambridge durante il July meeting. Il Muto per il rientro le ha trovato il Prix d’Arenberg a Chantilly sui 1100 metri dominato dalla figlia d’Invincible Spirit che ha dimostrato grande velocità di base. Le francesi hanno un’ottima tradizione con le Cheveley Park e contano tre vittorie nelle ultime sette edizioni (Natagora, Special Duty e Vorda) con ben quattro transalpine che negli ultimi trent’anni hanno firmato il doppio Cheveley-1000 Ghinee (Ma Biche, Ravinella, Natagora e Special Duty).
Dietro le tre più attese troviamo la Gosden ( a segno con Prophecy nel ’93 e sempre più lanciato verso il titolo di miglior trainer della stagione) Tendu, una Oasis Dream di Abdullah che ha vinto in bello anthem alexandrastile una maiden a Kempton alla seconda uscita. Il nostro Atzeni salirà sull’imbattuta Terror, una Kodiac che alza il tiro dopo un impressionante esordio a Warwick mentre le altre, compresa Arabian Queen (Dubawi), la castigatrice di High Celebrity, sembrano di fronte ad una durissima montagna da scalare.
Nel pomeriggio da vedere anche i maschi impegnati nelle Royal Lodge (Gruppo 2 sul miglio vinto da Frankel nel 2010), ipotetico trampolino di lancio verso le Dewhurst o il Racing Post Trophy: binocoli puntati su Nafaqa (Sir Percy), autore di un numero all’esordio nelle Chesham al Royal Ascot, terminate al quarto dopo un pessimo break in avvio. L’allievo di Barry Hills ha poi vinto la sua maiden a Newbury prima di conquistare una listed a Doncaster, battendo quel Toocoolforschool che poi ha dominato le Mill Reef. Il rivale per il grande favorito sarà Elm Park (Phoenix Reach), colori della Qatar Racing Atzeni in sella, a segno in una listed a Salisbury all’ultima uscita mentre Richard Hannon Jr inseguirà un’impresa mai riuscita al padre (incredibile ma vero!) con l’inesperto Misterioso (Iffraaj), a segno in maiden a Salisbury.
Curiosità per l’esordio in una maiden sui sette furlongs per la femmina di Marco Botti Alfajer (Mount Nelson), terzo prodotto dell’italiana Sakhee’s Song, seconda di Carlo Chiesa, Tudini emarcobotti2 Omenoni per Bruno Grizzetti, ma anche per l’ingaggio di Antonio Fresu nella maiden per femmine in sella all’inedita Justice Belle.
Nei primi due giorni di meeting Blu acceso per Godolphin che potrebbe aver trovato due interessanti pedine per la stagione classica: la femmina Lucida (Shamardal), a segno in bello stile per Jim Bolger nelle Rockfel di ieri (10/1 per le 1000 Ghinee), dopo il posto d’onore nelle Moyglare, e il maschio Maftool (Hard Spun), dominatore per Bin Suroor delle Somerville di giovedì (16/1 per le 2000 Ghinee).
Da segnalare poi l’incredibile ascesa di Custom Cat (Notnowcato), al quinto successo consecutivo nelle Joel di Gruppo 2 (che bravo O’Meara!), un altro successo in stakes per Atzeni in giubba Qatar Racing (Pallasator nella Listed per i fondisti di giovedì) e due puledri di belle speranze da segnare sull’agenda: l’imponente Mohatem (Distorted Humor) promessa di Barry Hills in grado di migliorare non poco a tre anni, e lo Stoute Consort (Lope de Vega), a segno con rara disinvoltura nella maiden di ieri sui 1400 metri.
Se ci dessero una quota per Derby e Ghinee saremmo disposti a investire qualcosa per poi urlare: «siamo stati i primi a scoprirli»!

Edoardo Borsacchi@Edobor88Edoardo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...