IHRA, Per un Rinascimento Ippico ecco i pilastri della riforma

Postato il Aggiornato il

ihraestesaRiceviamo da IHRA (Italian Horse Racing Association) un comunicato dove si riprende la discussione sulla Delega Fiscale evidenziandone le criticità e soprattutto indicando quali siano gli aspetti principali, diremmo i pilastri fondanti, che la futura riforma del settore deve avere al suo interno. Per IHRA è fondamentale che la nuova Lega sia fondata sulla democraticità e la paritetica rappresentanza di tutte le associazioni della filiera, nonché si doti di Enti Tecnici e abbia una vera programmazione per lo sviluppo dell’allevamento, per finire il ritorno della gestione delle scommesse, e di tutte le entrate legate all’ippica, in capo al futuro ente di governo. Non vogliamo anticipare di più e lasciamo spazio al testo:    

Per aspera ad astra: per il Rinascimento dell’Ippica Italiana 

La legge per la Delega Fiscale dell’11 marzo 2014 ha creato le condizioni per poter finalmente rigenerare l’ippica italiana che rappresenta oltre 50.000 famiglie e che ha costituito una vera risorsa per il Paese oltre che un motivo di orgoglio nazionale con i grandi Campioni dell’Allevamento come Ribot, Tenerani, Tornese ed in tempi più recenti il grande Varenne, il Campione dei Campioni.
Questa occasione non deve essere sprecata nella delicata fase della finalizzazione che vede, in queste ore, il Ministero dell’Economia e Finanze impegnato a redigere il testo applicativo avvalendosi della collaborazione del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.
Molte bozze del lavoro in corso sono circolate tra gli addetti ai lavori ed hanno prodotto negli Ippici italiani viva preoccupazione, in particolare sui seguenti temi:

  1. Facoltà dell’iscrizione alla Lega da parte dei singoli operatori, sulla base di parametri che tendono a escludere invece che ad includere le associazioni più rappresentative di categoria, soggetti indispensabili alla riforma e che partecipano a vario titolo al movimento ippico;
  2. Principi non determinati preliminarmente per la governance del settore e per la distribuzione delle risorse disponibili;
  3. Assenza delle principali leve gestionali (scommesse ippiche) per la produzione delle risorse destinate al settore;
  4. Erroneo affidamento alla Lega di funzioni di controllo sulla giustizia sportiva e antidoping, di competenza invece del Ministero vigilante;
  5. Periodo di accompagnamento all’agognata e ritrovabile indipendenza economica di durata troppo ridotta e non sostenuto da misure di salvaguardia in caso di impreviste difficoltà.

La gestione unitaria dell’Ippica Nazionale (UNIRE, voluta con la legge Orsi Mangelli del 1942) ha prodotto decenni di prosperità e sviluppo, presi ad esempio e imitati in tutto il mondo; a partire dalla fine degli anni ’90 una serie di scelte errate (in primis togliere all’ippica la gestione delle scommesse ippiche, vale a dire sottrarre la possibilità di sviluppare e gestire le proprie entrate, senza avere in cambio nemmeno un minimo garantito, come invece è successo per il CONI) ha progressivamente ridotto l’attrattività del settore (continui tagli al Montepremi, pagamenti ritardati anche di anni, rischi continui di essere esclusi per inadempienza dai Comitati Internazionali, tagli lineari che mortificano l’imprenditoria del settore, programmazione delle corse senza alcuna base tecnica, e così via) che oggi deve lottare per sopravvivere. Gli allevatori Italiani spostano sempre più le proprie attività all’estero o chiudono i battenti, la produzione è ridotta al lumicino, i proprietari che investono nel settore sono sempre meno, gli ippodromi chiudono o sopravvivono a stento.
Per questo l’intera filiera ippica unita in tutte le sue componenti, sia del Galoppo (tutte le principali associazioni del settore, Allevatori, Proprietari di Scuderie, Gentleman Riders, allenatori e fantini, riuniti nel Comitato Nazionale Galoppo), del Trotto (con analoga composizione raccolte nella Federazione Nazionale del Trotto) e le principali Società di Corse italiane che gestiscono nove ippodromi di grande importanza (Firenze, Follonica, Milano, Montecatini Terme, Napoli, SS. Cosma e Damiano, Siracusa e Taranto) raggruppate nella FSC, Federazione delle Società di Corse, hanno dato vita ad una Associazione Unitaria –  Italian Horse Racing Association (I.H.R.A.) ‐ che si offre per essere il soggetto ideale a cui affidare la gestione ed il rilancio dell’Ippica nazionale.
Di seguito i presupposti ispiratori e che riteniamo fondamentali di un nuovo modello di sviluppo del settore verso il quale siamo certi potremo tendere con il contributo prezioso dei Ministeri vigilanti e che riteniamo debbano essere espressi nel testo della Delega Fiscale:

  1. Presenza paritetica dei soggetti imprenditori nella Lega e nella governance: Proprietari e Allevatori Galoppo, Proprietari ed Allevatori Trotto, Società di Corse (gestori degli ippodromi) e se del caso le Categorie Professionali, per il tramite delle proprie Associazioni rappresentative; (solo le Associazioni sono in grado di garantire stabilità e continuità indipendentemente dalla nascita e cessazione dei singoli operatori);
  2. Costituzione di Enti Tecnici che coadiuvino nella programmazione delle attività coinvolgendo le Categorie Professionali tutte;
  3. Programmazione pluriennale finalizzata alla ripresa e all’indispensabile sviluppo dell’Allevamento nazionale del cavallo da corsa;
  4. Affidamento pieno alla Lega della gestione delle scommesse ippiche (fonte di finanziamento indispensabile per il Montepremi delle Corse e l’intera filiera produttiva) con una completa revisione dei prelievi, del palinsesto, della competitività della proposta di gioco. Rilancio della scommessa negli ippodromi, nelle agenzie del gioco legale e nella rete estesa attraverso una riformulazione dei prodotti offerti;
  5. Internazionalizzazione attraverso la vendita all’estero dei diritti televisivi delle corse italiane e l’acquisto dei diritti per la raccolta delle scommesse sulle migliori corse internazionali;
  6. Idonee misure di salvaguardia finanziaria decrescenti fino al raggiungimento degli obiettivi prefissati e condivisi.

Siamo a disposizione delle Autorità e del Governo per portare da subito il nostro contributo in questa importantissima fase della redazione del testo dei decreti attuativi della Delega Fiscale.

Comitato Nazionale Galoppo AGRI, ANAC, ANAP, FIA, SIRE, UIF, UNAG, UNPCPS

Federazione Nazionale Trotto ANACT, FEDERNAT, FIPT, UPT

Federazione Società di Corse Ippodromi di Firenze, Follonica, Milano, Montecatini Terme, Napoli, SS. Cosma e Damiano, Siracusa, Taranto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...